Approfondimenti e
tutorial sul welfare
aziendale, il marketing,
incentive e concorsi

Iscriviti ora. Se vorrai potrai cancellarti con un click

Ho letto ed accettato i termini e condizioni e la privacy policy

bando conciliamo

Bando Conciliamo, un’iniziativa a favore dei dipendenti e delle aziende

È scaduto ieri il bando Conciliamo, bando pubblicato dal Dipartimento per le politiche della famiglia della presidenza del consiglio dei Ministri. Il bando era stato approvato negli scorsi mesi dal Governo Conte 1, ma a differenza di altre iniziative, con la caduta del Governo, il provvedimento è stato portato comunque avanti, un segnale di continuità nella volontà politica di favorire lo sviluppo delle politiche di welfare aziendale in Italia.

In cosa consisteva il bando

Il bando Conciliamo aveva come obiettivo quello di sostenere la realizzazione di progetti di welfare aziendale che possano permettere alle aziende di promuovere iniziative a favore dei propri dipendenti.

Per l’iniziativa sono stati messi a disposizione 74 milioni di euro, vediamo nello specifico in cosa consisteva tale misura.

I soggetti destinatari del finanziamento erano le imprese, le cooperative e i soggetti collettivi con almeno 50 dipendenti a tempo indeterminato.

Per ciascun progetto, la richiesta di finanziamento doveva essere compresa tra 500 mila e 1,5 milioni di euro.

I fondi che verranno erogati saranno destinati a tutte quelle azioni finalizzate alla promozione del welfare su misura delle famiglie e che possano quindi migliorare la qualità della vita dei dipendenti.

Obiettivi specifici di conciliamo

Nello specifico, gli obiettivi del finanziamento sono:

  • Rilancio demografico;
  • Incremento dell’occupazione femminile;
  • Riequilibrio dei carichi di lavoro tra uomini e donne;
  • Sostegno alle famiglie con membri portatori di handicap;
  • Tutela della salute;
  • Contrasto all’abbandono degli anziani.

Si tratta quindi di un’importante misura per le aziende che permetterà ai lavoratori di fruire di importanti misure di welfare quali asili nidi interni, congedi di maternità e paternità aggiuntivi a quelli già previsti, orari flessibili, campi estivi per i figli dei dipendenti, ma anche smart working, percorsi professionali e programmi di prevenzione medica.

La scadenza del bando era fissata per il 15 di ottobre, ma le aziende hanno avuto una buona tempistica dal momento della pubblicazione del bando per inoltrare le domande.