Welfare coca cola: è il dipendente che sceglie il suo, dalla palestra ai libri

Tra tutte le notizie che si sentono riguardo alla situazione lavorativa dell’Italia, ogni tanto fa capolino qualche buona notizia. No, non stiamo parlando delle percentuali snocciolate dall’Istat riguardo l’occupazione, né tanto meno di una diminuzione della pressione fiscale, non per ora almeno, ma vogliamo farti sapere che lavorare bene e rendere l’azienda produttiva anche in un clima non del tutto favorevole è possibile. Sempre più spesso si parla di welfare aziendale, ma soprattutto sempre più aziende mettono in atto queste politiche e i vantaggi che riescono a trarne non sono certo pochi. Oggi vogliamo farti conoscere una realtà che ha molto da insegnare a tutti gli imprenditori, dai più grandi ai più piccoli. Ti diamo un indizio: welfare Coca Cola.

Welfare Coca Cola HBC Italia

La Coca Cola HBC Italia è un’azienda nella quale sono impiegate circa 2000 persone suddivise in ben 4 stabilimenti, uno a Marcianise (Ce), uno a Nogara (Vr), uno a Oricola (Aq) e uno a Rionero in Vulture (Pz), negli stabilimenti di Marcianise e di Rionero si lavora rispettivamente sui soft drink e acque minerali. Ma cosa c’è di così speciale nel welfare aziendale di questa impresa? Semplicemente che come in Luxottica e Coop il welfare non è più solamente un cestino coi regali di Natale o un portachiavi da offrire al dipendente più per fare pubblicità che come premio di produttività, bensì si tratta di di offrire ai propri dipendenti dei veri regali aziendali in grado di migliorare la loro vita, sgravandoli da alcune incombenze, da alcune spese, in modo da farli lavorare meglio e più sereni.

Perché questo è poi alla fine lo scopo del welfare, migliorare la qualità della vita del dipendente, oltre naturalmente a farlo sentire gratificato e a incentivarlo a fare sempre di più e sempre meglio. In Coca Cola HBC Italia è stato avviato un programma di welfare aziendale che mette veramente il dipendente al centro, dandogli la possibilità di scegliere il benefit che meglio risponde alle sue esigenze del momento. Il paniere è molto ricco e comprende diversi servizi, nessun regalo in denaro. Questa scelta è stata fatta in virtù delle novità introdotte da prima con la Legge di Stabilità 2016 e poi consolidate e migliorate con quella del 2017.

Se al dipendente si da la possibilità di scegliere dei benefit, non solo aumenta il suo potere d’acquisto dato che il benefit non può essere tassato, ma anche l’azienda può fruire di interessanti incentivi.

Quali sono i benefit che facilitano la vita dei dipendenti Coca Cola

Abbiamo parlato di benefit e della possibilità del dipendente di scegliere quello più adatto alle sue necessità, ma non abbiamo visto nel dettaglio cosa scelgono i dipendenti della Coca Cola HBC e perché il tipo di welfare di questa azienda è un esempio per tutti. Nel paniere ci sono diverse convenzioni che consentono di scegliere numerosi servizi a un costo agevolato. Per esempio si trovano abbonamenti a palestre, pacchetti contributivi per chi è vicino alla pensione, sconti per l’acquisto di libri, aiuti per il pagamento delle rette scolastiche e non ultimo i viaggi. Era necessario, spiega il direttore delle risorse umane Emiliano Maria Cappuccitti, diversificare l’offerta dato che i bisogni stessi dei lavoratori sono molto eterogenei.

La partnership  con Welfare Company

Un’azienda che vuole mettere in atto una politica di welfare a 5 stelle ha necessità di appoggiarsi a un provider per avere il paniere di benefit che risponde meglio alle esigenze e dell’imprenditore e dei dipendenti. Coca Cola HBC ha avviato un’intesa di partnership con Welfare Company, un provider, o meglio, una società a capitale completamente italiano che è specializzata in erogazione di servizi di welfare aziendale e pubblico. Ancora non tutte le sedi di Coca Cola HBC sono a regime pieno per quanto riguarda l’erogazione di benefit, ma si conta di raggiungere a breve il 100%. Per ora, infatti, sono interessati da questa nuova politica 300 dipendenti della sede di Nogara e 50 dell’headquarter di Sesto San Giovanni.

I dipendenti che possono fruire dei benefit, quindi, non devono fare altro che collegarsi alla piattaforma e decidere quale benefit acquistare.

Bollino “Gender Equality”

Ma non è tutto. Un’altra straordinaria peculiarità del welfare aziendale di Coca Cola HBC è l’aver ottenuto il bollino “Gender Equality”. Di cosa si tratta? In due parole del trattamento perfettamente equo del dipendente senza distinzione di sesso o di orientamento sessuale. Vediamo più nel dettaglio. Coca Cola HBC è partner di Parks – Liberi e Uguali, un’associazione senza fini di lucro  il cui obiettivo è quello di dare un contributo alle aziende per sviluppare buone pratiche e strategie che rispettino tutte le diversità con un focus incentrato prettamente sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

Nessuna discriminazione trova spazio all’interno di Coca Cola HBC, per cui ogni dipendente viene assunto o promosso senza distinzione e discriminazine per quanto riguarda appunto il sesso e il suo orientamento sessuale, e questo vale anche per quello che riguarda la retribuzione, non vi è distinzione, mentre tutti sappiamo che nel nostro paese il gap che si rileva tra la retribuzione dell’uomo e quella della donna, a parità di competenze, va senza dubbio a favore dell’uomo. Inoltre, in Coca Cola HBC il congedo matrimoniale e l’assicurazione sanitaria vengono garantiti a tutte le coppie, che siano etero o omosessuali.

La maternità in Coca Cola HBC

welfare coca cola2Un altro punto molto forte del wekfare di Coca Cola HBC è la maternità. In azienda è infatti in atto il progetto MaaM, Maternity as a Master. Si tratta di un percorso di accompagnamento delle future o delle neomamme verso l’apprendimento delle nuove tecnologie. In poche parole, una donna che si assenta oggi dal lavoro per una maternità, rischia di farvi rientro e di trovare delle tecnologie più avanzate al posto di quelle che aveva lasciato. Grazie a questo programma la donna che rientra dalla maternità non si trova in dietro, ma ha la possibilità di seguire un corso finalizzato alla conoscenza delle nuove tecnologie sfruttate dall’azienda. In questo modo la maternità non è vista più come un possibile blocco della carriera.

E tu cosa pensi di fare per i tuoi dipendenti?

Certo, la realtà di aziende così importanti come la Coca Cola HBC è un po’ diversa da quella delle piccole e medie imprese, tuttavia ogni imprenditore può avviare delle ottime politiche di welfare e migliorare le prestazioni dell’azienda.

Una possibilità abbordabile per tutte le realtà aziendali è quella del viaggio o del soggiorno. Tra i benefit, il viaggio è uno dei più richiesti. Il motivo è intuibile: col viaggio si sta facendo sia un regalo materiale e tangibile, sia un regalo non quantificabile in moneta: la possibilità di vivere del tempo con le persone che si amano o anche da soli per una pausa rigenerante. Il viaggio è tempo, tempo per sé e tempo per gli altri, è come scalare una marcia e andare più piano, è rallentare e ritrovare un tempo vivibile, meglio se in una bella cornice.

Salabam, di Marco Mazza,  ha interpretato queste esigenze e le ha tradotte in soggiorni di lusso che diventano una realtà fruibile sia per le aziende, in termini di costi, sia per i dipendenti, che possono vivere un week end o qualche giorno da sogno. Le possibilità sono diverse, ci sono oltre 400 mila hotel in tutto il mondo e si può prenotare oggi e partire domani, grazie alle convenzioni con i principali portali di welfare.

Vuoi fare un regalo prezioso ai tuoi dipendenti? Regala un Salabam