Tour enogastronomici tra i regali aziendali più gettonati per il 2017

Quello a cui un imprenditore dovrebbe sempre aspirare è il benessere dei propri dipendenti. Non tutte le aziende però riescono sempre a trovare la strada giusta. Un esempio ottimo di welfare aziendale è quello di Luxottica che in Italia fa storia, dato che ancora non possiamo certo parlare di una vera e propria politica di benessere aziendale, come invece accade in altri Paesi (vedi USA o UK) dove questa è una realtà consolidata da anni. Fa sorridere il caso dell’impiegato che a Natale riceve la scatola di cioccolatini con impresso sopra il logo dell’azienda, oppure la maglietta col brand, ma questo non è quello che oggi si intende per politiche aziendali mirate al benessere degli impiegati.

Il tour enogastronomico come regalo aziendale

Tra tutti i regali aziendali messi oggi a disposizione dei dipendenti dalle proprie aziende, troviamo il tour enogastronomico. Questa particolare attività, offerta appunto sotto forma di regalo, sta ottenendo grandi consensi e non solo da parte di chi lo riceve, ma anche da parte di chi lo offre, quindi delle aziende stesse. Ma come può essere elargito questo regalo? Ci sono principalmente due forme di tour enogastronomico: quello offerto a ciascun lavoratore, che dunque può fruirne con tutta la sua famiglia, e quello offerto, in giornate programmate, a tutti i dipendenti. Tra queste due forme di benefit, ovviamente, ci sono delle importanti differenze che vanno a spingere su due diversi tipi di incentivi, vediamoli nell’ordine.

cena aziendaNel primo caso abbiamo un regalo che stiamo offrendo ai dipendenti e che permette loro di trascorrere una o più esperienze gastronomiche con la famiglia. Va evidenziato come la famiglia sia ancora oggi un perno della società e che influisce in modo positivo o negativo anche nella vita lavorativa di una persona. Basti pensare a un impiegato che trascorre ore e ore in ufficio e quando torna a casa non ha né l’energia né la voglia di godersi la famiglia. Ecco, ritagliare degli spazi – offerti dall’azienda che quindi viene percepita in modo assolutamente positivo – per una serata o più in compagnia della famiglia, davanti a delle particolarità enogastronomiche è un piccolo “lusso” che consente al lavoratore di ritemprarsi e rilassarsi. Cosa accade quindi, che il lavoratore trova un’occasione per fare esperienza con i suoi affetti, si rilassa lasciandosi lo stress alle spalle e si ricarica. Ma non solo, perché migliora anche la percezione della propria azienda, si genera quel senso di gratitudine per aver potuto vivere un’esperienza che, diversamente, per questioni di tempo o di budget difficilmente si sarebbe vissuta.

Nel secondo caso, invece, abbiamo delle vere e proprie esperienze collettive che, oltre a dare l’opportunità ai dipendenti di rilassarsi e gustare ottimo cibo e ottime bevande, aiuta a consolidare il rapporto tra loro. Difatti questo tipo di tour è molto sfruttata nelle sessioni di team building, proprio per creare quella sinergia e quella collaborazione tra i dipendenti che è linfa vitale per l’azienda stessa. In queste circostanze si riescono a risolvere conflitti dettati da rivalità o competizione e si ristabilisce una certa armonia all’interno del team. Naturalmente, anche in assenza di conflitti, conoscersi meglio aiuta a cooperare in modo decisamente più efficiente.

Il piacere della tavola: la gastronomia italiana

Probabilmente il successo di queste iniziative che si è registrato quest’anno è dovuto anche al fatto che a noi italiani piace farci prendere per la gola, e mai come in questo caso la nostra ottima cucina si è dimostrata tanto efficace. Ci sono diversi voucher salabam che offrono la possibilità di fruire di tour enogastronomici su tutto il territorio, e non solo. Si può quindi scegliere tra una ricca selezione di proposte che non solo stuzzicano il palato, ma che generano nuovo entusiasmo solo all’idea di poter fare certe esperienze. Più nel dettaglio si possono considerare pacchetti enogastronomici attraverso la scoperta dei formaggi dop. Un viaggio su una doppia dimensione, quella fisica e quella del gusto, alla scoperta di questo straordinario prodotto made in Italy.

Una su tutte è Asiago, città resa famosa dall’omonimo formaggio. In questa località è possibile assaporare una magica atmosfera all’insegna del piacere del cibo, il tempo si fa più lento, nessuna incombenza. Ci si siede a tavola con la propria famiglia e si comincia il viaggio nei sapori della tradizione. Un’esperienza unica, rigenerante. Ovviamente ci sono diverse località fruibili, tutte con la loro eccelsa tradizione culinaria.

Perché oggi si preferisce la buona tavola a un altro benefit

Come abbiamo visto, oggi a disposizione dei dipendenti di un’azienda ci sono diversi benefit, dai corsi di formazione agli incentivi per la carriera scolastica dei figli, agli incentivi per l’asilo e a quelli per fruire di determinate prestazioni sanitarie. Ma perché in mezzo a tutte queste possibilità i regali enograstronomici si stanno ritagliando uno spazio sempre più ampio? La risposta è semplice, ma non ovvia.

L’idea di trascorrere una o più serate nel totale relax e con la famiglia o comunque con i propri affetti è una delle cose di cui oggi abbiamo più bisogno, ed è lo stesso motivo per cui anche i viaggi aziendali stanno riscuotendo un grande successo rispetto ad altri benefit. Il lavoro e i ritmi incalzanti della società odierna ci hanno tolto la possibilità di godere di questi momenti quanto dovremmo, ecco che quando si presenta l’occasione, la palla viene colta al balzo. Ma c’è un di più. Abbiamo anche la possibilità di mangiare bene, e questo oggi sta diventando veramente un lusso. Troppo spesso ci si trova a dover consumare un pasto frugale, una panino, un’insalata che chissà da dove proviene, e si ha sempre meno tempo per selezionare i prodotti migliori. Si finisce così per dimenticare quello che è il vero gusto della buona tavola e non ci si rende conto, troppo spesso, di quanto questo sia dannoso.

Una politica aziendale vincente

Appare chiaro, quindi, come attuare questo tipo di politiche sia per l’azienda una strategia vincente sotto tutti gli aspetti, perché un dipendente sereno e gratificato è un dipendente collaborativo, si sente parte integrante dell’azienda stessa e i suoi successi diventano successi personali. Si viene così a creare un legame anche sul piano affettivo, oltre che professionale, che garantisce all’azienda stessa una collaborazione di qualità verso il raggiungimento degli obiettivi, da festeggiare, poi, davanti a un ottimo piatto e a un elegante calice di vino.

Se vuoi fare la differenza nella tua azienda e consolidare ancora di più il rapporto con i tuoi dipendenti, contattaci e svilupperemo insieme la soluzione migliore di welfare aziendali.

Richiedi la consulenza di un nostro operatore