Cibo e tecnologia ormai fuori moda: il soggiorno per i tuoi regali aziendali

Anche le imprese italiane, piccole, medie e grandi, così come le start up, hanno compreso che per essere competitivi in un mercato sempre più globalizzato è necessario incentivare i propri dipendenti, riconoscendo i loro meriti e offrendo quegli emolumenti che oggi vanno sotto il nome di welfare aziendale e che comprende tutta una serie di benefit tra cui i dipendenti possono scegliere quello più adatto al proprio caso. Ma anche i benefit, come è logico pensare, sono cambiati nel tempo, dai regali tecnologici ai viaggi, anche se qui da noi sono stati introdotti da pochi anni, anche se rispetto ad altri Paesi siamo ancora indietro, e allora vediamo attualmente quali sono.

Regali tecnologici: i benefit cambiano

Chi di noi non ricorda, per esempio, i rappresentanti di una qualche azienda che, in barba agli impiegati, giravano sfoggiando sfavillanti auto aziendali? In contemporanea, gli impiegati delle piccole aziende, solo durante le feste comandate, tornavano a casa con il panettone, la bottiglia di spumante e un portachiavi col logo dell’azienda, oppure i più fortunati con qualche gadget come borsello con logo, trolley, impermeabile, magliette e le immancabili penne! Poi sono arrivati i buoni pasto e si è aperta una nuova era.

I buoni pasto sono stata una vera innovazione per quanto riguarda i benefit aziendali, al punto che ancora oggi resistono bene sul mercato, sono utilizzati da tantissimi dipendenti e, diciamocelo, hanno tutto sommato un loro valore.

La fortuna dei buoni pasto

Tra tutti i regali aziendali, o meglio benefit, i buoni pasto hanno fatto storia. Sono sul mercato da oltre un ventennio , sono per lo più sotto forma cartacea, ma anche elettronici ricaricabili, e soddisfano sia i dipendenti che le aziende. Il perché di questo successo è da ricercare soprattutto nell’attivazione semplice di questo servizio e nella possibilità di fruire di agevolazioni fiscali. In realtà i buoni pasti erano nati per consumare il pasto nella pausa pranzo, ma la loro naturale evoluzione ha consentito di poterli utilizzare anche come buoni spesa, e in realtà oggi è questo utilizzo a prevalere.

Sappiamo perfettamente quanto si può spendere alla settimana per fare la spesa per una famiglia, solo in generi alimentari si può oscillare mediamente dai 50 ai 200 euro alla settimana a seconda del numero di componenti della famiglia, ecco perché i buoni pasto, in questa circostanza, sono un’ottima soluzione. Attualmente la forma esentasse è di 5,29 euro. In Italia sono circa 2,3 milioni i lavoratori che fruiscono di questo tipo di benefit e il volume d’affari generato da questo servizio è di circa 3 miliardi di euro per un totale di circa 150 mila esercizi che accettano questa forma di pagamento su tutto il territorio nazionale.

Oggetti tecnologici utili, un benefit ambito

Oltre ai buoni pasto, però, fino a qualche tempo fa, tra i benefit più ambiti c’erano sicuramente i buoni acquisto sulla tecnologia o direttamente gli oggetti tecnologici messi a disposizione dall’azienda. Il più gettonato benefit tecnologico è stato sicuramente il telefono aziendale, da prima nelle vecchie versioni del telefono in auto, per poi evolversi nella forma del cellulare fino ai nostri smartphone. Ma non solo, molte aziende hanno anche offerto ai propri dipendenti la possibilità di avere un pc, tablet, basti pensare alla carta del docente che consente di acquistare non solo corsi di formazione, ma anche device elettronici.

Non solo, le aziende mettono a disposizione anche diversi buoni per l’acquisto di regali tecnologici quali elettrodomestici di ultima generazione. Ovviamente l’entità del cosiddetto regalo aziendale dipende dall’azienda, quindi dalle possibilità che ha di poter erogare un benefit piuttosto che un altro. Se per esempio pensiamo a un’azienda come la Apple, vien da sé che i regali aziendali saranno di un certo tipo. Un fatturato come quello della Apple sicuramente consente di elargire ai propri dipendenti tutta una serie di regali tecnologici di eccellente qualità, magari che variano in base alla posizione ricoperta. Per esempio, un dipendente generico magari avrà dei buoni da spendere in tecnologia, un dirigente di reparto uno smartphone e mac aziendale.

L’era dei viaggi premio

Questi che sono stati appena descritti sono sicuramente alcuni dei benefit più apprezzati dai dipendenti e di conseguenza tra i più erogati dalle aziende. Ma i tempi cambiano e in questo momento c’è un altro settore che spinge con forza e che si prepara a scalzare i propri competitor: i viaggi e i soggiorni aziendali.

soggiorni aziendaliPer capire quello che sta accadendo è sufficiente fare un piccolo ragionamento. Cosa desidera di più di tutto un lavoratore? Le ferie, il riposo, desidera staccare dal lavoro, desidera potersi permettere il relax dei suoi titolari. In questo desiderio si posiziona perfettamente la vacanza, quindi il viaggio. Il lavoro è sempre più pressante, in tutti i settori, a causa della globalizzazione e dell’aumento di competizione tra le varie aziende. Quindi i dipendenti e i lavoratori in genere hanno sempre più necessità di staccare, anche per brevi pause, e trascorrere una breve vacanza, magari con la famiglia, per rigenerarsi. In questo scenario i voucher salabam diventano un benefit aziendale di grande valore.

Regalare a un dipendente un soggiorno viaggio significa dimostrare la propria gratitudine per il lavoro svolto, ma anche comprendere la necessità di riposo al fine di ricaricarsi per riprendere a lavorare in modo efficace, rigenerato e ritemprato. Con i voucher viaggio o soggiorno, i dipendenti possono fruire interamente del loro benefit che non è quindi tassabile, e il loro potere d’acquisto è quindi maggiore. Ma quali sono i viaggi più apprezzati? Sicuramente vanno sempre per la maggiore le località di mare. Inutile girarci attorno, spiaggia e acqua cristallina fanno rima con riposo e relax, e questo è il massimo per chi ha bisogno di staccare e riposarsi. Ma non solo, perché ci sono anche molti lavoratori che preferiscono rilassarsi alla scoperta delle meraviglie delle città d’arte.

Ovviamente a essere decisamente quotati sono anche i viaggi pacchetto per tutta la famiglia, quindi non solo una pausa relax, ma anche un momento da dedicare interamente ala famiglia, e qui si va a regalare una cosa davvero preziosa di cui tutti abbiamo sempre bisogno: il tempo. Il tempo di giocare coni propri figli o di stare accanto alla persona cara, il tempo per ammirare l’arte, per passeggiare e per godersi, lentamente, tutto ciò che ci circonda.

I migliori regali aziendali in questo momento

Quindi se dovessimo pensare a quello che è in questo momenti il benefit più apprezzato? Sicuramente ogni benefit ha un suo valore, ma in base a quanto sta accadendo in questi ultimi mesi, complice anche l’estate, il viaggio è certamente balzato in vetta alla classifica dei regali aziendali più apprezzati, soppiantando di diversi punti il cibo e la tecnologia.

Scopri subito il Salabam perfetto per i tuoi dipendenti